Pula (Pola)

Situata nell’estremo sud della penisola Istriana, Pola offre bellissimi paesaggi naturali e numerose possibilità di svago, è sede dei corpi amministrativi della città e della regiorne istriana. La città dista 126 km circa da Trieste, ed è vicina al Parco Nazionale delle Isole Brioni (10km), a Rovigno (20km), Medulin (8km) e alle terme di Santo Stefano (Istarske Toplice). La città è divisa in sedici comitati locali con relativi rioni: Stari Grad, Kastanjer, Monte Zaro, Sv.Polikarp-Sisplac; Veruda con le tre zone turistiche di Monsival, Saccorgiana e Valkane, Stoja con le zone turistiche di Valovine e Stoja, Nova Veruda con Marina Veruda e Bunarina; Šijana, Štinjan con le zone turistiche di Puntakristo, Puntižela, Valdežunac e Camulimenti e le isole di Sv. Jerolim, Kozada e Sv. Katarina; Veli Vrh con il sobborgo turistico di Vallelunga, Busoler, Valdebek, Arena, Vidikovac, Gregovica e Monvidal. E’ molto sviluppata l’attività cantieristica e la città è il centro culturale della regione ospitando biblioteche ma soprattutto il Museo Storico dell’Istria e il Museo Archeologico dell’Istria. La città è anche cuore turistico della regione grazie al vicino aeroporto recentemente modernizzato e alla vicinanza con la statale D21 che la collega alla Slovenia.
La nascita di Pola è collegata al mito degli Argonauti che sfuggendo ai Colchidi fondarono un insediamento chiamato Polai, ma venne eretta dai romani intorno al quarantasei a.C. come Pietas Iulia, ebbe un ruolo molto importante come base delle campagne militari di Ottaviano contro gli Illiri (35-33 a.C.) ed assunse la forma urbanistica a castelliere nell’età di Augusto (strade concentriche attorno al colle con clivi a raggiera) durante la quale conobbe un periodo di grande sviluppo.

Oltre all’aeroporto la città è servita da una stazione ferroviaria e da diverse linee di navigazione. Gli impianti turistici sorgono tra pinete e tutta la fascia costiera (190km circa) che è collegata e raggiungibile grazie a sentieri.
I più importanti monumenti della città risalgono quasi tutti all’epoca imperiale romana (dal primo al terzo secolo d.C.), la città disponeva un sistema idrico, un forum che era centro amministrativo, religioso e commerciale, due teatri, era cinta da mura e vi si accedeva attraverso porte (demolite agli inizi del diciannovesimo secolo).
Da visitare: partendo dalla piazza principale (piazza Foro) il tempio di Augusto che ospita una mostra di sculture in pietra, il palazzo municipale ultimato nel 1296, la chiesa e il convento francescani costruiti nel tredicesimo secolo.
Salendo da Via Castrapola lungo una scalinata si arriva alla Fortezza Veneta (XVII secolo) che ospita il museo storico d’Istria. Passeggiando lungo le strade lastricate da pietre rese lucide dall’uso, si passa dalla Cattedrale risalente al IV secolo e incendiata dai veneziani nel 1242, alla Chiesa di San Nicola costruita con pietre calcaree, fino ad arrivare ai piedi del simbolo della città: l’Anfiteatro romano.
Lungo la strada che dall’Arena porta al centro della città si incontrano il museo archeologico Istriano (vicino al teatro romano), dietro al museo il piccolo Tetro Romano, e altri edifici interessanti come la Posta Principale dell’architetto Angiolo Mazzoni (1933), l’ex Casino’ Marina (1872-1913), il Teatro e il Mercato in metallo e vetro dove acquistare pesce e verdura freschi.

Nel mese di giugno a Pola si tengono le giornate dell’antichità di Pola con apertura nell’anfiteatro e manifestazioni nel centro storico di Pola con rappresentazioni della vita quotidiana degli antichi Romani, spettacoli di sport antichi e lotte di gladiatori e manifestazioni di moda e gastronomia a tema. Durante il tempo libero è possibile praticare windsurfing, pallacanestro, tennis, vela, golf, yoga, immersioni, bike e vengono organizzati voli panoramici sopra la città, corsi di fitness e arrampicata.
Souvenirs tipici di Pola e dell’Istria sono la bocaleta, una brocca realizzata e dipinta a mano nella quale servire la tipica “supa istriana”, strumenti musicali come il “mih” una specie di piva e strumenti a fiato come le sopele, tra i souvenirs gastronomici non possono mancare l’olio d’oliva e i tartufi a la malvasia istriana.
Pola è raggiungibile in auto, in nave, in aereo (aeroporto di Pola distante cinque chilometri dalla città) e sono presenti tre marine: l’ACI Marina di Pola nella parte sud-orientale del porto di Pola (200 ormeggi, aperta tutto l’anno), il porticciolo di Bunarina vicino a Pola ), Marina Veruda accanto a Pjescana Uvala.
Nello specifico:

Per ogni informazione o prenotazione
Cell. +39 3402243766
Tel. +39 0719206698
Fax +39 0719203698
roberta.baldassarri@evolutiontravel.it

Contatti

Per ogni informazione o prenotazione
Tel. +39 0719206698
Fax +39 0719203698
Cell +39 3402243766
roberta.baldassarri@evolutiontravel.it

Categorie